[EVENTI] – STRANIMONDI AL CUBO – CI SARÒ!

Tempo di lettura: 1

Una manciata di giorni (a meno che non siate polidattili come Hannibal Lecter e allora una manciata è troppa) è inizierà la terza edizione di Stranimondi, riuscitissima e ormai imperdibile manifestazione milanese della fantascienza, del fantastico, del weird e di tante altre cose.
Come l’anno scorso sarò presente ma a differenza dell’anno scorso non avrò location fissa e mi troverete a vagare per la convention per tutta la giornata di Sabato (solo il sabato, da mattina a sera) armato di uno zainetto pieno di cose curiose.
Quindi chiunque volesse scambiare quattro chiacchiere, offendermi, offrirmi o farsi offrire una birra mi troverà a Stranimondi sabato 14 ottobre, dall’apertura alla chiusura (più o meno) della manifestazione.
Ci vediamo a Stranimondi!
(al cubo)

Se volete avere informazioni sulle mie recensioni, sulle mie uscite letterarie e sulle mie partecipazioni a Convention e /o fiere, iscrivetevi alla newsletter inserendo il vostro indirizzo email in fondo alla pagina.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 30
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[Racconto] – L’Adepto

Tempo di lettura: 3 minuti

L’Adepto è una brevissimo racconto inedito ispirato al mondo del mio romanzo La terza memoria ed è nato con un duplice scopo. Il primo è quello di divertirmi tornando nell’Italia post apocalittica che ho inventato come ambientazione del romanzo. Il secondo è (sarebbe) quello di stuzzicare chi ancora non ha letto La terza memoria e magari accompagnarlo verso il romanzo. Il primo scopo l’ho raggiunto. Vediamo se qualcuno mi aiuterà a raggiungere anche il secondo.
L’immagine qui sopra è la bellissima illustrazione che Franco Brambilla ha fatto per la copertina di Urania.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 68
  •  
  •  
  •  
  •  

Westworld 2 – la creazione di un nuovo Olimpo

Tempo di lettura: 2 minuti

Insomma, per concludere, il world-building narrativo di Westworld (così come quello di True Detective in parte come quello del Trono di Spade) è una sapientissima fusione di suggestioni iniettate a poco a poco nella coscienza dello spettatore. Un nobilissimo frankenstein meta-concettuale nel quale il tutto è ben superiore alla somma delle parti perché riesce a rivolgersi alla nostra parte filosofica senza però trascurare quella più moderna.

So che non è elegante, citarsi non lo è mai, ma riprendo la conclusione del mio pezzo su Westworld pubblicato qui a fine 2016 e rilancio: Nolan e la Joy hanno tenuto il timone ben saldo in quella direzione.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 15
  •  
  •  
  •  
  •