Il cerchio magico di Hitler

Tempo di lettura: 2 minuti

Per una volta esco dal confortevole recinto del cinema di genere e delle serie TV per parlare di un prodotto molto interessante: la serie-documentario “Il cerchio magico di Hitler“. Al momento la trovate disponibile su History Channel oppure su Netflix con il nome “Hitler’s Circle of Evil” (qualche episodio è anche in chiaro su YouTube). Si tratta di dieci episodi della durata di cinquantadue minuti ciascuno e premetto che secondo me è un prodotto che andrebbe inserito a pieno titolo nel programma scolastico italiano.
Di cosa parla?
Dell’ascesa al potere di Adolf Hitler a partire dal 1919 fino all’epilogo del regime nazista, tra le pareti del bunker di Berlino.
Perché lo consiglio?
Perché fornisce un quadro lucido, completo ed equidistante su come possano nascere istinti nazionalisti capaci di spazzare via la democrazia di un paese. Perché credo che per comprendere il presente sia necessario capire come il Vecchio Continente abbia potuto generare il nazismo e tutti gli orrori di cui un intero popolo si è macchiato. Perché il Ministero della Propaganda di Joseph Goebbels è stato uno strumento così efficace da anestetizzare prima e confondere poi la coscienza di un’intera nazione.
Ci sono molte sfaccettature del nostro presente in questo documentario, riflessi o suggestioni che dal passato trovano una cassa di risonanza anche oggi, qui e altrove. Ci sono tutti i segnali a cui prestare attenzione se non si vogliono più commettere (o lasciar commettere ad altri) gli errori del passato. E soprattutto c’è la chiara, trasparente e impietosa metafora del potere. Un potere che travalica la logica, il bene, il male, la razionalità.
Un potere talmente puro nella sua forza esecrabile da aver completamente asservito gli uomini che circondavano Adolf Hitler, da averli accecati, anche quando la sconfitta era ormai certa, tanto da spingerli a lottare tra loro anche alla fine di tutto.
Guardatelo con attenzione. Non si risparmia nulla, espone i fatti storici con una chiarezza impressionante e nonostante siano passati tanti anni fa rabbrividire per la modernità della macchina infernale messa in piedi da Adolf Hitler. Fa rabbrividire quanto sia riuscito a fare Joseph Goebbels con i limitati strumenti di cui disponeva e fanno rabbrividire le inevitabile somiglianze che troverete guardando fuori dalla finestra.

Se volete avere informazioni sulle mie recensioni, sulle mie uscite letterarie e sulle mie partecipazioni a Convention e /o fiere, iscrivetevi alla newsletter inserendo il vostro indirizzo email in fondo alla pagina.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 47
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[Racconto] – L’Adepto

Tempo di lettura: 3 minuti

L’Adepto è una brevissimo racconto inedito ispirato al mondo del mio romanzo La terza memoria ed è nato con un duplice scopo. Il primo è quello di divertirmi tornando nell’Italia post apocalittica che ho inventato come ambientazione del romanzo. Il secondo è (sarebbe) quello di stuzzicare chi ancora non ha letto La terza memoria e magari accompagnarlo verso il romanzo. Il primo scopo l’ho raggiunto. Vediamo se qualcuno mi aiuterà a raggiungere anche il secondo.
L’immagine qui sopra è la bellissima illustrazione che Franco Brambilla ha fatto per la copertina di Urania.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 66
  •  
  •  
  •  
  •  

Racconti – Weird Po – N di meNare: L’aNtologia

Tempo di lettura: 3 minuti

Per come la vedo io, la sperimentazione è una componente fondamentale della scrittura. Testare le proprie attitudini, uscire da quella che di norma viene definita come ‘zona di comfort’ e intraprendere con entusiasmo nuovi sentieri sono alcuni dei motivi che rendono lo scrivere così interessante.
Con Weird Po (titolo molto azzeccato suggeritomi dal vulcanico Jack Sensolini), mio contributo all’antologia N di meNare, ho provato a fare proprio questo. Travolto dall’entusiasmo di Jack, di Luca Mazza e degli altri straordinari compagni di avventura ho spinto sull’acceleratore cercando di esplorare nuovi territori.
Certo, citando un vecchio adagio: chi nasce quadrato non muore tondo, perciò scavando sotto la superficie ci sono sempre io, ma considero Weird Po un esperimento davvero ben riuscito.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 26
  •  
  •  
  •  
  •