BICENTENARIO – DELOS DIGITAL

Tempo di lettura: 3 minuti

Esce oggi, martedì 14 luglio, Bicentenario l’antologia curata da Paolo Aresi che celebra il centesimo compleanno di due nomi che con la fantascienza hanno decisamente a che fare: Isaac Asimov e Ray Bradbury. All’interno dell’antologia potete trovare il mio racconto Lo storico che, se avessi qualche anno di meno e fossi più spericolato sui social, direi appartenere al #teamasimov.

Quando Paolo mi ha contattato per capire la mia disponibilità verso Bicentenario c’è stato un piccolo dettaglio che mi ha fatto particolarmente piacere (oltre alla richiesta in sé alla quale ho detto subito sì senza riserve): pensava il mio stile e le mie suggestioni fossero più vicine ad Asimov che a Bradbury e visto l’affezione immensa che ho nei confronti del Buon Dottore, questa piccola assonanza è stata di ulteriore stimolo.

Perciò ho scritto Lo storico, racconto ambientato su Solaria, ispirato alla straordinaria serie dei robot e ambientato qualche tempo dopo l’escursione di Elijah Baley sul pianeta. Scrivere qualcosa legato all’universo narrativo di Isaac Asimov è stato molto particolare. Ha significato mettere da parte per un attimo il timore reverenziale nei confronti di un autore così importante, mi ha spinto a sbirciare oltre la quarta parete e il confronto con Paolo mi ha fatto crescere, come capita ogni volta che ci si affida a un curatore capace.

Compari si bevute letterarie in questa celebrazione, un gruppo di amici e colleghi straordinari (più due ospiti speciali d’eccezione) che riporto qui in rigoroso ordine alfabetico: Abbate, Calisi, Clerici, Conforti, Crescentini, Del Popolo Riolo, Martino, Sosio, Tonani, Troccoli, Valentini, Vietti, Voudì ed Edgar Allan Poe più Stanley G. Weinbaum.

Dalla quarta di copertina:

Non ci sono, forse, due autori altrettanto iconici per il genere della fantascienza. Isaac Asimov e Ray Bradbury, nati entrambi cent’anni fa, nel 1920, cresciuti insieme nel fandom della fantascienza, diventando da semplici lettori a scrittori, fino a raggiungere il successo. Il primo, newyorkese, affascinato dalla scienza, dal suo rigore e dai suoi paradossi; il secondo, californiano, insofferente agli schemi, alla ricerca di qualcosa di inafferrabile, usando i viaggi nello spazio per esplorare il pianeta uomo.

Tanti appassionati, tanti scrittori di fantascienza sono cresciuti sulle loro pagine, e hanno cominciato a scrivere seguendone le orme. Anche in Italia.

Paolo Aresi ha chiesto a quattordici tra i migliori autori italiani che si riconoscono in questa descrizione di scrivere una storia che rendesse loro omaggio. Ne è uscita questa antologia, che comprende quattordici racconti più due, da due autori che, a loro volta, hanno influenzato e ispirato i due grande maestri.

Dove trovarlo?

Condividi!
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *