Black Panther – di Ryan Coogler

Tempo di lettura: 3 minuti

★★★½☆

Black Panther è l’ultima pellicola targata Marvel Studios che vedremo prima della distruzione totale che Avengers: Infinity War (in uscita il 25 aprile) porterà nell’universo cinematografico dei Vendicatori ma poco ha a che fare con il vicino avvento di Thanos: il film dettaglia in modo molto preciso il regno di Wakanda esplorato in modo piuttosto marginale nel poco brillante Captain America: Civil War.
T’Challa (Chadwick Boseman) è alle prese con la successione al trono di Wakanda: dopo la morte del padre T’Chaka per mano di Zemo (avvenuta in Civil War) è senza un legittimo sovrano. Agli occhi del mondo Wakanda è una paese povero e che vive in miseria mentre la realtà è ben diversa: compito di T’Challa sarà decidere come impiegare la superiorità tecnologica del suo paese fronteggiando nemici che vengono tanto dal passato di Wakanda quanto dal suo presente.
Black Panther è un film che, soprattutto nella sua prima parte, strizza più di un occhio ai recenti James Bond (tutta la scena del casinò attinge a piene mani dalle pellicole interpretata da Daniel Craig) e imita per struttura il bel Captain America: The Winter Soldier. Pochi supereroi, tanta realpolitik mescolata a una ricca esplorazione culturale di Wakanda, dei suoi usi e dei suoi costumi. Ryan Coogler, regista afroamericano, dedica davvero un’attenzione molto particolare a ciò che accade oltre lo schermo tanto da trasformare Black Panther in un manifesto della perenna lotta per l’uguaglianza che impegna gli uomini di colore di tutto il mondo.

Marvel Studios’ BLACK PANTHER
L to R: Erik Killmonger (Michael B. Jordan) and W’Kabi (Daniel Kaluuya) with some of his border tribesman.
Ph: Film Frame
©Marvel Studios 2018

E fino a qui, nessun problema. Questa struttura a tratti manichea però scricchiola quando Coogler si spinge più in là, quando alza la posta salvo poi fare marcia indietro. Erik Killmonger (Michael B. Jordan) è un esule di Wakanda generato dagli errori del passato, ma poi viene arruolato dalla CIA e impiegato per destabilizzare gli avvicendamenti di governo nei paesi di tutto il mondo. L’agente Ross (un sempre perfetto Martin Freeman) ammette candidamente che la CIA utilizza questi agenti di morte per decidere il destino delle nazioni salvo poi intervenire a Wakanda per impedire che questo accada.
Killmonger nei suoi monologhi sembra anche denunciare, di rimando, le origini del terrorismo definendolo uno strumento di liberazione, prima ancora che oppressione.
Sono tematiche complesse che, a dire il vero, Coogler maneggia anche con una certa disinvoltura. Il problema è che il messaggio di fondo, se vuole esserci, appare di difficile interpretazione. Da un lato c’è la manifesta critica alla politica isolazionista e anti-immigrazione dell’attuale amministrazione Trump, dall’altro la tentazione di ribellarsi alle ingiustizie con la violenza salvo poi declinare il tutto in una pacifica sussistenza economica ai fratelli di Wakanda. L’impressione è una rimasticatura ‘for dummies’ della complessità del nostro presente: intendiamoci, non è un male ma forse fatto in questo modo trascina il film fuori mandato.
Black Panther è perciò un’amalgama strana: un terzo di leggera e guascona ironia tipica della Marvel, un terzo spy story mutuata dagli 007 più recenti e la rimanente parte un monito/critica/analisi socio-politica che si spinge anche in territori piuttosto scomodi.
Niente mi leva dalla testa che l’indiscutibile successo che sta avendo sia anche (o proprio) legato a questo: suggerisce una visione del presente in scala di grigi salvo poi rivolgersi a luoghi comuni per svilupparne lo svolgimento perciò è difficile da valutare.
Detto questo, Black Panther è un buon film? Sì, alla fine sì. Investe molto nel definire Wakanda (anche per il ruolo di tutto rispetto che dovrebbe avere in Infinity War), ha un suo equilibrio tra azione, introspezione e storia, e vanta un buon cast.
Resta un retrogusto un po’ strano che lo fa flirtare, qualche volta, con una propaganda al limite del pericoloso.

P.S: la DC con la sua Justice League dovrebbe prendere esempio da film come questi. Due ore e un quarto investite per sfaccettare meglio un personaggio poco accennato in Civil War, due ore e un quarto per dare dignità a Black Panther in vista del super cross-over di fine aprile.

Se volete avere informazioni sulle mie recensioni, sulle mie uscite letterarie e sulle mie partecipazioni a Convention e /o fiere, iscrivetevi alla newsletter inserendo il vostro indirizzo email in fondo alla pagina.

Per chi se lo fosse perso, il MONDO MARVEL secondo me:
Thor: Ragnarok
– Recensione di ‘Avengers: Age of Ultron’
– Recensione de ‘I Guardiani della Galassia’
– Recensione di ‘Agents of S.H.I.E.L.D: prima stagione’
– Recensione di ‘Captain America: The Winter Soldier’
– Recensione di ‘Thor 2: The Dark World’
– Recensione di ‘Iron Man 3’
– Recensione di ‘The Avengers’
– Recensione di ‘Thor’

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 27
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ghostland – di Pascal Laugier

Tempo di lettura: 3 minuti

Adoro Pascal Laugier, anche se non ci andrei nemmeno a bere un caffè tanto mi preoccupa il funzionamento della sua mente. Lo adoro a tal punto da aver messo il suo Martyrs in cima alla mia classifica dei 20 film horror. L’ho adorato anche nel meno convincente The Tall Man (2012) perciò aspettavo con una certa trepidazione Ghostland (in Italia, La Casa delle Bambole). Laugier non mi ha deluso, anzi.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  

Il fallimento del futuro?

Tempo di lettura: 2 minuti

Quando il futuro ha smesso di essere un faccenda di cui occuparci? Quando è diventato esclusivo demanio di multinazionali e governi? Mi guardo intorno e dal mio limitato osservatorio vedo che da una parte si ragiona di connettività, infrastrutture, intelligenze artificiali, gestione dei dati, ripristino e trasformazione in un grande corridoio informatico della vecchia Via della Seta (per fare un esempio). Dall’altra si è concentrati su un presente abbastanza misero (dal punto di vista concettuale), fatto di sussistenze, di paure, di contrazioni sociali, di ritorno ad alchemiche ricette ottocentesche, di esclusioni e di frammentazione del tessuto connettivo che dovrebbe tenere insieme tutto. Uno Jedi direbbe che abbiamo smesso di essere in comunione con la Forza.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 44
  •  
  •  
  •  
  •