GoT: due piccole rivoluzioni?

Tempo di lettura: 2 minuti

Quattro episodi su sette, con ancora nove puntate (tre di questa settima stagione e sei dell’ottava) prima di veder calare il (o un) sipario su uno dei fenomeni televisivi più imponenti di questo ventunesimo secolo. In molti ci eravamo chiesti come sarebbe cambiato Il Trono di Spade con il sorpasso definitivo dello show rispetto alle trame letterarie libri di George R.R. Martin e questi prima quattro episodi hanno in parte risposto alle nostre domande.
Due sono i più evidenti e principali aspetti della piccola rivoluzione che David Benioff, D.B. Weiss e compagni hanno attuato con la settimana stagione del Trono.
Primo: di certo, dopo due intere stagioni piuttosto avare di eventi (se escludiamo, come sempre, un’accelerazione molto importante nei rispetti finali), il passo di questi primi episodi dimostra di essere molto, molto cambiato. Salti temporali un po’ nebulosi, conti saldati con personaggi secolari che, al ritmo di uno a puntata, muoiono o tornano a calcare Westeros, ed eventi, fatti, vicende. Succedono tante cose, davvero tante. Diventa persino difficile tracciare in modo efficace un calendario interno ai Sette Regni anche se, solo considerando lo spostamento di personaggi ed eserciti, i primi quattro episodi devono essersi svolti in un arco di tempo che di certo comprende intere settimane di narrazione. Meglio? Peggio? Se da un lato la sete di eventi trasforma questa settima stagione in un saporito cocktail da bere tutto d’un fiato, dall’altro i personaggi ne risentono. Certo, vantano un curriculum emotivo assemblato, mattone dopo mattone, in ore e ore di confronti verbali, di macchinazioni, di trame e intrecci ma ammetto che, personalmente, mi mancano le querelle come quelle che infuriavano Varys (Conleth Hill) e Ditocorto (Aidan Gillen). L’equazione si sbilancia e la scrittura dei dialoghi soccombe rispetto alla densità di eventi che a questo punto DEVONO essere raccontati.
Bronn o Bard?
Secondo: perso (o superato, o accantonato) il timone narrativo di Martin, gli sceneggiatori hanno deciso di correggere la rotta facendo navigare la corazzata Trono di Spade in acque decisamente meno rischiose. In che modo? Strizzando l’occhio a una mitologia fantasy che ogni spettatore appassionato di questo genere conosce molto, molto bene. Così gli scorpioni di Qyburn (Anton Lesser) somigliano molto alla balestra usata da Bard l’Arciere (Luke Evans) durante la battaglia contro Smaug ne Lo Hobbit, i Dothraki che caricano le armate Lannister ricordano i Rohirrim a Elm o sul Pellenor, Roccia del Drago ammicca a Moria e, come mostra la clip di anteprima del quinto episodio, i corvi manovrati da Bran (Isaac Hempstead-Wright) richiamano i crebain di Saruman.

Rivolgersi a un immaginario condiviso permette di dirottare più risorse su altri aspetti ma finisce anche con il penalizzare un prodotto che, con alti e bassi, con lentezze importanti ma con picchi narrativi notevoli, aveva comunque un suo carattere, una sua identità e molti marchi distintivi.
A dirla tutta, la normalizzazione dei riferimenti non è solo un problema del Trono di Spade ma in una serie così lunga che è iniziata sorretta da solidissime spalle letterarie ma che giocoforza ha dovuto sopravvivere alla palude stagnante nella quale Martin ha affondato i romanzi, è molto, molto evidente.
Non abbiamo superato il punto di non-ritorno ma credo sarebbe davvero un peccato se questi piccoli deja vu diventassero la norma banalizzando una trama sulla quale tanti speculano da anni e che, comunque, di certo è già stata intuita in alcune parti.

Dothraki o Rohirrim?

Per leggere le recensioni delle altre stagioni, clicca qui!

Se volete avere informazioni sulle mie recensioni, sulle mie uscite letterarie e sulle mie partecipazioni a Convention e /o fiere, iscrivetevi alla newsletter inserendo il vostro indirizzo email in fondo alla pagina.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

The Circle – di James Ponsoldt

Tempo di lettura: 2 minuti

★★½☆☆

I segreti sono bugie

Mae – The Circle

Il tempismo nella fantascienza è fondamentale. Arrivare in ritardo rispetto a quanto sta accadendo nel mondo reale può trasformare un buon film in uno scadente documentario di repertorio.
The Circle, purtroppo, arriva un pelo in ritardo e la sensazione che si ha è proprio quella di aver assistito a qualcosa di vecchio.
Mae (una Emma Watson male assortita) è una giovane ambiziosa che vede la sua vita cambiare quando l’amica del cuore Glenne (Bonnie Holland) riesce a farla entrare al Circle, una grande azienda che deve i ricchi natali a un social network di diffusione mondiale. Il guru di Circle, Eamon Bailey (un Tom Hanks in versione Steve Jobs) ha le idee molto chiare sul futuro: connessione totale, condivisione totale, nessun segreto e l’ambigua gestione di una mole di dati a dir poco impressionante.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il sito si rinnova!

Tempo di lettura: 1 minuti

Breve, brevissima comunicazione di servizio: come i più attenti di voi avranno notato, il mio sito internet si è decisamente rinfrescato facendo un balzo in avanti di qualche secolo.
Ci sono novità? Una sopra tutte: alla fine di questa pagina (così come alla fine di ogni pagina del sito) trovate un piccolo spazio per inserire la vostra email e per iscriversi alla mia newsletter mensile la quale vi riassumerà i contenuti pubblicati sul sito.

L’altra novità è meno evidente ma (spero) più di soddisfazione: ho intenzione di affidare a queste pagine qualche aggiornamento in più rispetto ai progetti (letterari e non) in corso. Niente di invadente, niente che abbia in animo la prevaricazione delle vostre libertà individuali, solo qualche aggiornamento in più!

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •