[Recensioni TV] – ‘Westworld’ e la chiave del successo

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO:★★★★★

Abbiamo ancora impresso negli occhi il volto di Ed Harris durante la cerimonia di gala a Westworld, il suo sorriso diabolico mentre finalmente riesce a ottenere quello che cerca da più di trent’anni. Abbiamo ancora chiara in mente la stretta di mano con la quale Robert Ford (uno straordinario Anthony Hopkins) si congeda dall’amico Bernard Lowe (un altrettanto fenomenale Jeffrey Wright). E, per finire, lo sguardo di Maeve Millay (Thandie Newton, in stato di grazia come non mai) quando decide di cambiare, ancora una volta e in modo imprevisto, il suo destino.
Tutte queste cose ci rimbalzano in testa, increduli ed estasiati dalla magia che Jonathan Nolan e Lisa Joy sono riusciti a confezionare nei dieci episodi della prima stagione di Westworld.
Sulle sotto-trame, sulla scrittura, sulla regia, sulla razionale follia che anima ogni fotogramma della serie è stato scritto e detto di tutto e di più. Non ho molto da dire a riguardo, se non aggiungere il mio incondizionato applauso al lavoro fatto da Nolan e dalla Joy.
L’aspetto sul quale vorrei concentrarmi è invece il perché e il come Westworld sia stato in grado di vincere su tutta la linea. Poco tempo addietro mi ero soffermato su un’altra serie culto targata HBO, True Detective (stagione uno, rigorosamente) e in questa analisi rilevavo come tutto l’impianto narrativo della serie affondasse le radici in una mitologia rigorosamente wired.

Westworld

Westworld

Ecco, io credo che le cose non siano molto diverse. Westworld intraprende lo stesso percorso, scandaglia con setacci molto fini un immaginario solido e antico recupera da esso vere e proprie pepite sulle quali poi lavora in maniera eccelsa.
Partendo dalla sigla e dal logo di Westworld, l’uomo vitruviano dicotomico tra perfezione umana e divina, passando per il concetto di evoluzione, di errori, di uomo e di natura (già nella prima puntata Ford mette in chiaro il suo pensiero sulla natura casualmente fallace dell’essere umano) e infine richiamando mitologie come quella di Frankenstein o del Dottor Moreu, Westworld compie un arco concettuale completo che interpreta e risponde alle più importanti domande filosofiche.
Chi siamo? Perché siamo? Può l’uomo giocare a fare Dio? Da dove arriva la coscienza? E così via.
Tutti questi dilemmi vengono poi innestati in un ecosistema narrativo proprio di Crichton, quello in cui le attrazioni di un parco divertimenti sfuggono al controllo. Proprio come in True Detective dove le tematiche occulte del wired erano amalgamate a una più classica trama thriller.
Anthony Hopkinks è il dottor Robert Ford
E’ questa la cifra narrativa che fa la differenza rispetto a un vastissimo scibile serial-televisvo in cui la qualità media, per quanto alta, non ha niente a che fare con quella di Westworld: la capacità di affondare le mani nelle radici più subconscie, intime ed esistenziali di ciascuno di noi. Facendolo però in un modo attuale, ammiccando, suggerendo, e costruendo nei giusti tempi e modi una mitologia interna alla serie.
Piccoli riferimenti, come l’uomo di Vitruvio. Come le citazioni del Alice nel Paese delle Meraviglie (vado a memoria, “niente sarebbe com’è, perché tutto sarebbe come non è”) proprio nell’episodio con uno dei plot-twist più grandiosi che io ricordi. Come il titolo dell’ultimo episodio, The Bicameral Mind, omaggio a un saggio psicologico degli anni ’70 proprio sulla nascita della coscienza.
Insomma, per concludere, il world-building narrativo di Westworld (così come quello di True Detective in parte come quello del Trono di Spade) è una sapientissima fusione di suggestioni iniettate a poco a poco nella coscienza dello spettatore. Un nobilissimo frankenstein meta-concettuale nel quale il tutto è ben superiore alla somma delle parti perché riesce a rivolgersi alla nostra parte filosofica senza però trascurare quella più moderna.
Questa è la pietra filosofale moderna, un mistero che Nolan, la Joy e forse anche HBO sono riusciti a penetrare aprendo una nuova era.
di Maico Morellini

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

The Circle – di James Ponsoldt

Tempo di lettura: 2 minuti

★★½☆☆

I segreti sono bugie

Mae – The Circle

Il tempismo nella fantascienza è fondamentale. Arrivare in ritardo rispetto a quanto sta accadendo nel mondo reale può trasformare un buon film in uno scadente documentario di repertorio.
The Circle, purtroppo, arriva un pelo in ritardo e la sensazione che si ha è proprio quella di aver assistito a qualcosa di vecchio.
Mae (una Emma Watson male assortita) è una giovane ambiziosa che vede la sua vita cambiare quando l’amica del cuore Glenne (Bonnie Holland) riesce a farla entrare al Circle, una grande azienda che deve i ricchi natali a un social network di diffusione mondiale. Il guru di Circle, Eamon Bailey (un Tom Hanks in versione Steve Jobs) ha le idee molto chiare sul futuro: connessione totale, condivisione totale, nessun segreto e l’ambigua gestione di una mole di dati a dir poco impressionante.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 18
  •  
  • 1
  •  
  •  

GoT: due piccole rivoluzioni?

Tempo di lettura: 2 minuti

Quattro episodi su sette, con ancora nove puntate (tre di questa settima stagione e sei dell’ottava) prima di veder calare il (o un) sipario su uno dei fenomeni televisivi più imponenti di questo ventunesimo secolo. In molti ci eravamo chiesti come sarebbe cambiato Il Trono di Spade con il sorpasso definitivo dello show rispetto alle trame letterarie libri di George R.R. Martin e questi prima quattro episodi hanno in parte risposto alle nostre domande.
Due sono i più evidenti e principali aspetti della piccola rivoluzione che David Benioff, D.B. Weiss e compagni hanno attuato con la settimana stagione del Trono.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 17
  •  
  • 1
  •  
  •