Abbiate cura delle cose belle

Tempo di lettura: 2 minuti

Sabato sera, il 9 marzo 2019, la libreria Miskatonic University di Reggio Emilia ha organizzato il suo ultimo evento. In una bella, bellissima serata si sono ritrovati editori, autori, lettori ma soprattutto un bel gruppo di amici. L’evento era l’assegnazione del prestigioso Premio Hypnos e la libreria si è trovata letteralmente invasa da un gruppo tanto eterogeneo quanto entusiasta di appassionati a tutti i livelli.
La libreria Miskatonic University chiuderà alla fine di questo mese.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!

Il diario dell’estinzione – la Timeline

Tempo di lettura: 1

Quali sono gli eventi principali de Il diario dell’estinzione? Quali sono gli episodi storici che hanno segnato il destino di Caleb Cavendish, di Malcom Lefebvre e di Ernest Buckingham?
Chi ha letto il romanzo sa che realtà storica e finzione si intrecciano sin dalla prima pagina e oggi mi sono permesso di fare un piccolo regalo a chi ha già viaggiato nella fumosa Londra vittoriana del 1885 creando questa timeline de Il diario dell’estinzione.
Ma questa linea temporale può essere anche uno stimolo curioso per tutti quelli che ancora non conoscono il romanzo o che sono indecisi se farmi dono del loro tempo iniziando a sfogliare le pagine de Il diario dell’estinzione.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!

La fantasia degli anni ’80?

Tempo di lettura: 3 minuti

David Eddings, Margareth Weis, Tracy Hickman, R.A. Salvatore, Stephen R. Donaldson: cinque icone del genere fantasy che mi hanno formato nella mia adolescenza. Era la fine degli anni ’80, scoprivo Hero Quest e Dungeons & Dragons, non avevo ancora letto Tolkien e stava iniziando il mio amore per la lettura.
Perciò leggere di Belgarath il Mago, di Sparhawk, di Raistlin e Caramon, di Drizzt e Artemis Entreri o di Thomas Covenant voleva dire immergersi in un’epica fantasy che al tempo costituiva una bella fetta del mio immaginario fantastico. Ho amato quegli autori e quei libri, li ho davvero amati alla follia anche se non li ho più riletti.
Poi alcuni giorni fa mi è stato chiesto di consigliare qualche testo a un ragazzo di tredici anni innamorato della lettura: tutti questi nomi sono scivolati fuori dal cassetto della memoria e sono finiti su una lista, in rigoroso ordine cronologico.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!

[Evento] – Votazione Premio Italia 2018 – Chiamata alle armi!

Tempo di lettura: 1

Qualche giorno fa gli aventi diritto di voto al Premio Italia (e gli aventi diritto sono tutti coloro i quali hanno partecipato almeno una volta all’Italcon o alle convention affiliate come per esempio Stranimondi) hanno ricevuto via email la chiamata alle armi per partecipare alla prima fase del Premio Italia, cioè la segnalazione dei titoli più interessanti dell’anno appena trascorso. Il voto si concluderà il 13 marzo e da questa prima fase emergeranno i finalisti: una seconda sessione di voto decreterà il vincitore tra i finalisti.
Perciò, qualora vi avanzasse una segnalazione, qualora abbiate trovate particolarmente interessante qualcosa da me scritto o qualora siate animati da un profondo e irresistibile spirito filantropico, ecco di seguito le mie produzioni del 2018 che possono essere segnalate al Premio Italia.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!

Il mondo dei podcast – update e consigli

Tempo di lettura: 2 minuti

Qualche tempo fa avevo condiviso la scoperta su quanto possa essere incredibile e vasto il mondo dei podcast scrivendo un breve pezzo a riguardo. In quell’articolo suggerivo anche l’ascolto di quattro podcast (quei consigli restano assolutamente validi): oggi rilancio e vi suggerisco l’ascolto di altre due serie podcast a dir poco stupende.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!

Suspiria di Luca Guadagnino

Tempo di lettura: 2 minuti

Sono entrato in sala fresco di visione dell’originale Suspiria di Dario Argento ma non mi aspettavo che il film di Guadagnino cercasse in nessun modo di ripercorrere i passi dell’originale è così è stato. Se l’impianto di base è più o meno il medesimo (studentessa americana che arriva in Germania per perfezionare le sue doti di ballerina presso una prestigiosa accademia di danza), se le coordinate mistiche hanno la stessa impronta definita da Dario Argento nel suo Suspiria, tutto il resto prende direzioni decisamente differenti.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!

Il sonno della memoria genera mostri

Tempo di lettura: 2 minuti

Oggi è la Giornata della Memoria. Un giorno nel quale ricordare, in ogni modo e forma, quanto accaduto non così tanto tempo fa, sulla soglia di casa nostra. Quanto successo nel cuore dell’Europa. Quell’orrore che sembra sempre più difficile identificare per quello che è: una mostruosità che dovrebbe solo essere presa come monito. Che dovrebbe essere ricordata con religioso terrore, come qualcosa che è successo non per una misteriosa ondata di follia collettiva quanto perché l’uomo ha un’anima oscura che può essere manipolata, corrotta, esaltata. Un monito, quindi. Un monito che dovrebbe rintoccare sulle nostre coscienze sempre e ogni volta, anche senza bisogno ricorrenze.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!

[Consigli di lettura] – Stephen R. Donaldson

Tempo di lettura: 4 minuti

Dai tredici ai diciannove anni si è consumata quella che a posteriori ho definito come la mia fase fantasy (chiunque abbia giocato a Dungeons & Dragons, prima o poi, ha avuto questa fase) e c’è un romanzo che ha dato il via a questo lungo e romantico periodo. No, non è stato Il Signore degli Anelli, quello è arrivato un anno dopo, ma in qualche modo Tolkien è coinvolto con la mia scoperta del fantasy letterario. In che modo?

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!

Hill House, il passato e l’inferno

Tempo di lettura: 3 minuti

Mi sono avvicinato alla serie Netflix di Hill House con un certo timore, lo stesso timore che chiunque abbia letto il libro ha provato al pensiero di vedere il complesso capolavoro di Shirley Jackson deformato (e forzato) in una serie televisiva con tempi e ritmi diversi di quelli di una solidissima narrazione. Fortunatamente Mike Flanagan, regista che apprezzo molto (suoi sono, tra gli altri, Oculus e Somnia), ha deciso di percorrere una strada diversa. Hill House, una casa che definire infestata è decisamente riduttivo, è ‘solo’ ambiente e suggestione. Nessun personaggio (a parte qualche doveroso omaggio), nessuna situazione riadattata, di fatto una storia nuova che sceglie come ambientazione la tremenda casa fatta di corridoi, angoli scuri e presenze sinistre.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!

Rapporto di fine anno – 2018

Tempo di lettura: 3 minuti

Il primo post di questo sito è datato 30 Novembre 2010 perciò sono passati otto anni dalla sua messa on-line, otto anni nei quali, come si dice, ne é passata di acqua sotto i ponti. Quest’anno per la prima volta però voglio prendermi il lusso di riepilogare con un post tutte quelle che sono state le mie attività letterarie, o para letterarie, dell’anno appena trascorso.
Perché?
Perché chi come me si occupa di letteratura con serietà e professionalità, ma nel risicato monte ore del dopo lavoro (quello che fa pagare le bollette, per intenderci), sa cosa si prova nel sentirsi sempre in ritardo. Sa come può essere logorante quel vago (ma persistente) senso di colpa del “non fare mai abbastanza”, di essere un passo indietro rispetto a non si sa bene cosa. Una spiacevole sensazione che spinge verso una sorta di bulimia creativa per la quale si scrive, si finisce un progetto, ma non si ha mai il tempo (o la forza) di goderne appieno perché “c’è sempre qualcosa di nuovo da fare”.
Insomma, un po’ per ringraziare chi mi segue, chi mi legge, chi mi ascolta, un po’ per tirare una linea oltre le quale osservare con quieta soddisfazione cosa si è fatto, ecco qui il mio rapporto di fine anno: tutto quello che ho pubblicato (e dove) nel corso dei dodici mesi appena trascorsi. Si vi siete persi qualcosa, se volete condividerlo o commentarlo qui o altrove, sapete di essere i bene accetti. Sempre e comunque!

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!