Filosofia, Scienza, Fantascienza e Assoluzione

Tempo di lettura: 2 minuti

Questa riflessione nasce a seguito dei confronti che sono sbocciati sul web dopo l’uscita nelle sale del bel film Arrival. In realtà i vari dibattiti mi sono serviti a mettere a fuoco alcuni elementi che avevo raccolto ma per i quali mi mancava un tessuto connettivo capace di tenerli insieme.
Prima considerazione: nel mondo contemporaneo manca quasi del tutto la filosofia. Per mille motivi, alcuni contingenti, altri storici, altri dettati da errori di comportamento, il pensiero filosofico è stato via via accantonato fin quasi a sparire. Al netto di quanto viene insegnato a scuola, l’eccesso di informazioni alle quali siamo sottoposti quotidianamente rende difficile fermarsi a riflettere e rende ancora più difficile approcciare a qualunque forma di speculazione fine a se stessa. L’assimilare sta prendendo il posto del riflettere. Questo ha alcuni effetti collaterali secondo me, il primo dei quali è l’incapacità di uscire dai propri schemi di pensiero per adottarne altri. L’incapacità, quindi, di assumere un punto di vista diverso dal proprio indebolendo così ogni potenzialità di empatia e comprensione verso gli altri.
Seconda considerazione: l’eredità della filosofia può e deve essere raccolta dalla fantascienza. Se c’è uno strumento in grado di speculare sul presente, sul futuro, sul tempo e sullo spazio aprendo nuovi canali di riflessione è la fantascienza. Ne è recente testimone Arrival la cui origine cartacea, il racconto Storia della Tua Vita, affonda le radici alla fine degli anni ’90. Il racconto (o il film) ci spinge a riflettere sulla concezione stessa di tempo e sulla casualità, oltre che sulla predestinazione. Apre la nostra mente, così come fanno altre storie fantascientifiche molto innestate nel presente.
Terza e ultima considerazione: negli ultimi anni stiamo assistendo a una curiosa convergenza tra speculazione fantascientifica e analisi scientifica. E’ di questi giorni la notizia secondo la quale l’intero universo potrebbe essere un gigantesco ologramma. E’ di qualche mese fa la notizia secondo la quale un gruppo di eminenti scienziati sta valutando seriamente la possibilità che il nostro universo sia in realtà una evolutissima simulazione virtuale. Uniamo queste due cose al concetto di tempo espresso in Arrival (semplifico: tutto è già successo, il tempo non ha senso nella sua concezione lineare), all’ineluttabilità degli eventi dell’ottimo Predestination, alla necessità del ripetersi delle cose che suggeriva Matrix.

E qui lancio la provocazione. E’ come se l’uomo con i più potenti strumenti speculativi di cui dispone (fanta-filosofia, fantascienza e teorizzazione scientifica) stesse cercando inconsciamente di assolversi dagli errori che sempre più commette e ha commesso. La predestinazione, la possibilità che tutto sia già stato scritto, l’appartenenza a una realtà simulata della quale non controlla nulla fino ad arrivare all’ologramma vero e proprio.
Menti molto diverse tra loro ma unite da una forte capacità di astrazione ci stanno forse suggerendo che la strada dell’uomo è già segnata da forze che non comprende? Un ritorno a un moderna versione delle antiche divinità che facevano piovere, nevicare, scoppiare incendi, crescere i raccolti o guastare messi?
Scienziati e scrittori si esaltano vicendevolmente, gli uni fornendo teorie, gli altri rendendole fruibili attraverso un moderno pensiero filosofico. Il libero arbitrio rimane al centro di tutto ma è un libero arbitrio offuscato da fattori esterni, da entità sconosciute o da teorie scientifiche che, in ultima analisi, tendono ad assolverci da troppe responsabilità perché tutto, anche se lo viviamo giorno per giorno, è già scritto.
Una nuova era alle porte? Una tendenza casuale? Speculazioni di poco conto?

Se volete avere informazioni sulle mie recensioni, sulle mie uscite letterarie e sulle mie partecipazioni a Convention e /o fiere, iscrivetevi alla newsletter inserendo il vostro indirizzo email in fondo alla pagina.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Thor: Ragnarok – di Taika Waititi

Tempo di lettura: 2 minuti

VOTO★★☆☆☆

Con questo terzo film il Dio del Tuono raggiunge Iron-Man come numero di pellicole in solitaria (Captain America: Civil War era un mini-Avengers mascherato, perciò Cap resta al palo con ‘solo’ due titoli). Ma soprattutto continua (e forse si conclude?) il percorso isolazionista di Asgard: dopo un primo film molto terrestre, dopo un secondo film che esplorava la mitologia asgardiana e coinvolgeva la Terra in misura minore, arriviamo a Thor: Ragnarok nel quale il nostro pianeta è del tutto assente.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

IT – di Andy Muschietti

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO:★★★★☆
Lo dico senza se e senza ma: trasporre IT sul grande (o piccolo) schermo è assolutamente impossibile. E’ impossibile perché la storia è così complessa e completa, così totalizzante, che anche piccole omissioni finiscono con lo snaturare l’armonia complessiva del capolavoro originale di King. Ed è impossibile anche perché IT è un romanzo senza filtro, morboso, violento, coraggioso e che non si ferma davanti a nulla. Parla una lingua dimenticata, di certo una lingua che l’ecosistema cinematografico (o televisivo) non può e non vuole imparare.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •