L’assenza del passato genera mostri

Tempo di lettura: 2 minuti

“Chi controlla il passato controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato.”
George Orwell

Quando l’ISIS ha iniziato a distruggere i siti archeologici non ho potuto fare a meno di ripensare alle parole di George Orwell citate qui sopra. In qualche maniera gli integralisti dello stato islamico intendevano (e intendono) riportare indietro la lancetta del tempo al VII secolo cancellando, di fatto, tutte le installazioni culturali venute dopo.
Avevo relegato questo atteggiamento come esclusivo del terribile estremismo islamico ma poi, un po’ dappertutto anche nel mondo occidentale, hanno iniziato a suonare piccoli campanelli d’allarme. Eventi in apparenza scollegati tra loro, di entità e gravità molto differenti, promossi da ideologie o schieramenti che poco hanno a che spartire gli uni con gli altri. Unico comune denominatore? Una soffocante smania di cancellare il passato. Non si parla di controllo, non si parla di revisionismo ma solo di una distruttiva tendenza a rimuovere lasciando spazi vuoti laddove, nel bene e nel male, c’era qualcosa.
I monumenti fascisti a Roma, le statue del Generale Lee a Charlottesville, le statue di Cristoforo Colombo e la cancellazione del Columbus Day a Los Angeles. Al netto di ciò che ogni monumento rappresenta, intorno a esso c’è una storia. Errori, eroismi, successi, passioni, dolori.
E’ come se la modernità non avesse la forza necessaria per continuare a comprendere e convivere con quanto accaduto dieci, cento, mille anni fa. E’ come se il presente fosse così avido di risorse dal suggerire che l’unico modo per essere all’altezza delle sfide contemporanee è dimenticare il passato.
Dimenticare. Perché la rimozione non è revisionismo. Non è tentativo di controllo. La rimozione è sconfitta e abbandono. Un monumento non è buono o cattivo. Un monumento è storia, è passato e cancellare il passato è molto peggio che controllarlo. L’impressione è che il presente sia così difficile da decifrare, che ci troviamo così poco attrezzati per gestire la contemporaneità, da vedere nella semplificazione una possibile via di fuga.
Ma non è così, non può essere così. I monumenti e le celebrazioni sono le cicatrici che la storia lascia sulla società degli uomini. Alcune si rimarginano bene, altre lasciano un brutto segno ma l’assenza di cicatrici significa che non si è vissuto. E la non vita è retaggio di chi respira solo nel presente. I mostri peggiori nascono quando non c’è la consapevolezza di cosa sono e da dove sono arrivati.

Il passato è debole. E’ come una finestra che dà su un enorme immondezzaio, un passaggio che non porta da nessuna parte.

Mi cito perché ho provato a estremizzare questa tendenza a vivere nel presente nel mio racconto “La Variabile del Dolore“, dove ho anche tentato di immaginare quale sarebbe il prezzo da pagare per una società che vive solo nel presente. Quanto l’ho scritto era solo una suggestione, adesso inizio a temere che potrebbe essere qualcosa di più.

Se volete avere informazioni sulle mie recensioni, sulle mie uscite letterarie e sulle mie partecipazioni a Convention e /o fiere, iscrivetevi alla newsletter inserendo il vostro indirizzo email in fondo alla pagina.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 42
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments (1):

  1. Steffy

    25 settembre 2017 at 10:34

    In base a mie recenti letture si potrebbe riformulare il tuo titolo: “L’assenza del passato genera morte”. Un po’ più a fondo nelle cose della ‘vita’, qualcuno asserisce ciò che mi sembra il medesimo principio. Dall’idea di Samuel Butler in Life and Habit 1878: “La vita è quella proprietà della materia che è in grado di ricordare, e la materia che è in grado di ricordare è viva”. Considerando che tutto ciò che è potrebbe essere basato ed evolversi su ciò che è stato e applicando lo stesso principio alla gretta e superficiale storia di umane miserie, otteniamo il tuo assunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[Racconto] – L’Adepto

Tempo di lettura: 3 minuti

L’Adepto è una brevissimo racconto inedito ispirato al mondo del mio romanzo La terza memoria ed è nato con un duplice scopo. Il primo è quello di divertirmi tornando nell’Italia post apocalittica che ho inventato come ambientazione del romanzo. Il secondo è (sarebbe) quello di stuzzicare chi ancora non ha letto La terza memoria e magari accompagnarlo verso il romanzo. Il primo scopo l’ho raggiunto. Vediamo se qualcuno mi aiuterà a raggiungere anche il secondo.
L’immagine qui sopra è la bellissima illustrazione che Franco Brambilla ha fatto per la copertina di Urania.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 66
  •  
  •  
  •  
  •  

Sterminare tutti i pensieri razionali

Tempo di lettura: 2 minuti

“Sterminare tutti i pensieri razionali, questa è la conclusione alla quale sono giunto”
William Lee, Il Pasto Nudo

David Cronenberg usava queste parole per raccontare il percorso di distruzione della realtà de Il Pasto Nudo (per chi avesse dieci minuti, ne ho parlato in dettaglio qui), io le prendo in prestito per tracciare un ipotetico confine del linguaggio che temo sia già stato oltrepassato.
Negli ultimi mesi ho avuto la spiacevole sensazione, che poi è diventata certezza, di una frattura profonda in quello che dovrebbe essere il normale modo di comunicare. Mi sono reso conto di non avere più gli strumenti per spiegare il mio pensiero a chi assume posizioni molto differenti dalla mia, di non trovare un terreno comune di confronto. E non sto parlando di convincere della bontà delle mie opinioni, sto parlando di riuscire a trasmettere la mia idea in modo efficace, di far capire cosa penso.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 53
  •  
  •  
  •  
  •