[Racconti] – ‘Spettri di Ghiaccio’ – Collana Miskatonic

Tempo di lettura: 2 minuti

E ci siamo! Dopo averlo presentato a Stranimondi il 15 e il 16 ottobre 2016, ‘Spettri di Ghiaccio’ è finalmente disponibile per l’acquisto. Le modalità le trovate in coda a questa breve, ma spero convincente, presentazione del racconto.
Spettri di Ghiaccio‘ nasce come racconto inedito scritto appositamente per la bellissima ‘Collana Miskatonic‘ (vi rimando al link per conoscere i dettagli di questa iniziativa secondo me molto interessante e che merita assolutamente di essere seguita).

Di cosa parla il racconto? Proverò a spiegarlo in due sole parole ‘Lyubov Orlova‘, una delle poche navi fantasma realmente esistenti ancora degne di questo nome. Ci sono molto leggende intorno alla Orlova, alcune parlano addirittura di ratti carnivori, ma la sua vera incredibile storia la scoprirete solo leggendo questo racconto.
Spettri di Ghiaccio‘ è un’avventura marinara. Un mio umilissimo tentativo di omaggiare le magiche atmosfere di William H. Hodgson, un modo per raccontare di come il mare possa essere ancora temibile e misterioso.
Ecco come inizia il racconto:

– Avanti.
La porta della cabina scivolò sui cardini agevolata dal rollio della nave. L’odore salmastro dell’oceano misto a quello della benzina strisciò oltre l’ingresso trascinato dal rombo dei motori.
– Dottor Lindholm – salutò l’uomo appena entrato. Era alto e magro, indossava una divisa nera con i polsini verde scuro ghiacciati in più punti. I venti artici che sferzavano la coperta della Antares non davano tregua nemmeno a quell’ora della notte. – Abbiamo raggiungo la posizione che ci aveva indicato. Adesso tocca a lei rispettare la sua parte dell’accordo – continuò l’uomo. Poi sollevò la testa e strinse gli occhi, come annusando l’aria. – Musica?- chiese.
Johan Lindholm alzò lo sguardo dal computer portatile, lo chiuse soffocando le basse note che emetteva e poi indicò la sedia all’altro capo del tavolino: – Prego, capitano Millhan.
Il comandante della Antares fece un incerto passo avanti. Aprì la bocca poi la richiuse, ricacciando in gola la protesta. Il dottore era strano ma pagava bene e se doveva assecondarlo anche in quella piccola stupidaggine lo avrebbe fatto senza pensarci troppo.

‘Spettri di Ghiaccio’ – Maico Morellini – Collana Miskatonic n.3 – Vincent Books Editore – Miskatonic University – Euro 4.90
Nel pieno spirito del progetto, tutti i racconti della Collana Miskatonic esistono solo in cartaceo e sono acquistabili:
– fisicamente presso la Miskatonic University di Reggio Emilia.
– sulla pagina facebook (carrello on-line) della Miskatonic University di Reggio Emilia.

Adesso la palla passa a voi, attendo i vostri commenti!

Cosa dicono sugli spettri:
Il commento di Alessandro Girola – Plutonia Experiment
Il commento di Massimiliano Prandini – Mekbuda Mebsuta
La recensione della Kate dei Libri
La recensione di FantasyAmo

Copertina di Fahad Alkadi
Illustrazione interna di Marco Ferrari – http://ferrarimarco.tumblr.com
Spettri di Ghiaccio è il racconto horror di Maico Morellini

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 101
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments (3):

  1. Giuliano Conconi

    18 ottobre 2016 at 14:43

    Un viaggio freddo e oscuro ma meraviglioso. Dico solo una cosa: leggendo l’ultima pagina mi sono accorto che un ghigno malefico si era impossessato del mio volto. Bello, bello, bello. L’atmosfera mi ha ricordato a tratti “I pirati fantasma” di Hodgson, anche se ovviamente in chiave moderna!

  2. Maico Morellini

    19 ottobre 2016 at 07:18

    Ciao Giuliano,
    sono davvero molto contento il racconto ti sia piaciuto. Hodgson mi ha ispirato nella scrittura di questo racconto che, in parte, è proprio un omaggio alle sue storie marinare.
    Ancora grazie e a presto!
    Maico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ghostland – di Pascal Laugier

Tempo di lettura: 3 minuti

Adoro Pascal Laugier, anche se non ci andrei nemmeno a bere un caffè tanto mi preoccupa il funzionamento della sua mente. Lo adoro a tal punto da aver messo il suo Martyrs in cima alla mia classifica dei 20 film horror. L’ho adorato anche nel meno convincente The Tall Man (2012) perciò aspettavo con una certa trepidazione Ghostland (in Italia, La Casa delle Bambole). Laugier non mi ha deluso, anzi.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 23
  •  
  •  
  •  
  •  

Il fallimento del futuro?

Tempo di lettura: 2 minuti

Quando il futuro ha smesso di essere un faccenda di cui occuparci? Quando è diventato esclusivo demanio di multinazionali e governi? Mi guardo intorno e dal mio limitato osservatorio vedo che da una parte si ragiona di connettività, infrastrutture, intelligenze artificiali, gestione dei dati, ripristino e trasformazione in un grande corridoio informatico della vecchia Via della Seta (per fare un esempio). Dall’altra si è concentrati su un presente abbastanza misero (dal punto di vista concettuale), fatto di sussistenze, di paure, di contrazioni sociali, di ritorno ad alchemiche ricette ottocentesche, di esclusioni e di frammentazione del tessuto connettivo che dovrebbe tenere insieme tutto. Uno Jedi direbbe che abbiamo smesso di essere in comunione con la Forza.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 44
  •  
  •  
  •  
  •