[Recensioni Film] – ‘Alien: Covenant’ di Ridley Scott

0
12 maggio 2017 // Recensioni film
Tempo di lettura: 3 minuti

“Il mio nome è Ozymandias, re di tutti i re,
Ammirate, Voi Potenti, la mia opera e disperate!”

Il giudizio su Alien: Covenant orbita per buona parte intorno alla frase tratta da ‘Ozymandias‘, sonetto scritto da Percy Bysshe Shelley nel 1818. E, rilancio, l’apprezzamento per Covenant è ancora di più legato alla voglia di gettare il cuore oltre l’ostacolo in cerca di connessioni, riferimenti e suggestioni che giocoforza esulano dalla mera somma cinematografica delle parti. D’altra parte, non era così anche per Prometheus?
Percy Shelley scrive Ozymandias nel 1818, lo stesso anno in cui Mary Shelley pubblica Frankenstein, o il moderno Prometeo (Prometheus?). Se anche voi pensate che come Dio Ridley Scott non gioca ai dadi, questa coincidenza già da sola dovrebbe far squillare le trombe del giudizio. Perché dal mio punto di vista, esponendosi alle più scontate accuse di voler grattare il fondo del barile, Scott ha deciso in modo molto coraggioso di reinterpretare in salsa fanta-horror la mitologia dei nostri grandi classici.
Due indizi fanno una prova. In origine Alien: Covenant avrebbe dovuto intitolarsi Alien: Paradise Lost con chiari, chiarissimi riferimenti al capolavoro infernale di John Milton, Il Paradiso Perduto. E David (un Michael Fassbender che in sostanza E’ il film intero) ha molte, tante similitudini con la Stella del Mattino, con l’angelo caduto che preferisce regnare all’inferno che essere schiavo in paradiso.
Ogni cosa in Alien: Covenant orbita intorno a David tanto da sacrificare lo spessore di quasi tutti gli altri personaggi. L’equipaggio è molto numeroso e le caratteristiche di ciascun membro sono spesso abbozzate con qualche rara pennellata che suggerisce senza mai spiegare. La struttura del film, nella sua totalità, è al servizio di David. Di ciò che fa. Di ciò che rappresenta. Non è un caso che il film si apra proprio con la sua ‘nascita’ per mano di Weyland (Guy Pierce).
Alien: Covenant, David e Weyland
Se si riesce e si vuole accettare la visione david-centrica dell’intera pellicola i (vari) difetti di Alien: Covenant perdono importanza. E non solo perché visivamente Scott è ancora uno dei migliori registi sulla piazza, ma anche perché a differenza di Prometheus il regista riesce a concentrare la grande ambizione che lo anima in un solo, definito, personaggio.
David è un androide dotato del libero arbitrio (di nuovo, un tema di uno spessore ENORME). E’ il primo e l’unico della sua specie con questa caratteristica, in Walter (sempre Fassbender) la libertà è sostituita dal dovere, ed è proprio l’assenza della libertà a renderlo incapace di creare. David, al contrario, è ossessionato dalla creazione. Lo capiamo dalle poche, belle, battute di apertura del film quando si confronta con Weyland. In più raccoglie nelle proprie memorie tutto, o quasi, lo scibile culturale umano. Poesie, melodie (portare in un film di fantascienza Wagner e Shelley è, di per sé, già un enorme successo), costrutti concettuali generati dalla mente umana nel tentativo di garantirsi l’immortalità.
David di fatto è immortale e ciò che manca alla divinità di cui si sente portatore è la creazione. Questo fa. Crea. Lasciamo stare gli sforzi a volte anche maldestri di incollare tra loro le varie continuity del franchise, lasciamo perdere le strizzate d’occhio ai primi due Alien: tentativi di rendere più digeribile la complessa grandezza di David.
Stiamo parlando di un androide, un costrutto umano portatore di una mutazione che lo rende unico esattamente come è unico l’uomo (Westworld credo abbia qualcosa a che fare con alcune di queste suggestioni), sotto certi aspetti un errore evolutivo. Un androide che vuole vendetta verso i creatori di chi lo ha creato, si sostituisce a essi e cerca di plasmare la più perfetta forma di vita. Non solo. David ripercorre tutte le tappe dell’uomo nella comprensione della natura: come Darwin osserva la natura, come Linneo la classifica. Un entomologo creazionista.
Alien: Covenant
No, non è un tema nuovo quello della macchina che si ribella all’uomo. Ma qui andiamo ben oltre. Qui la macchina vuole diventare Dio attraverso la creazione e in un contesto visivo che è semplicemente perfetto. A differenza di Prometheus nel quale l’ambizione veniva soffocata da troppi errori, qui gli errori ci sono ma non predominano.
E anzi, forse non sono neppure errori, ma pedaggi concettuali che Scott paga per rendere digeribili e non esclusive le potenti tematiche filosofiche di Alien: Covenant. Non me la sento di partecipare al gioco al massacro: sì, l’equipaggio ci comporta in modo stupido, sì, la Waterston è un alter ego della Weaver. E sì, alcune scene di pura azione stonano.
Perciò, in sintesi, il vero peccato di cui si macchina Covenant è la mancanza di coraggio: una codardia che si traduce in un eccesso di citazionismo, quasi che la paura di non ricordare ogni tre scene che sì, stiamo guardando Alien, potesse deludere/allontanare/indispettire uno zoccolo di fan che DEVE finanziare il progetto.
Con più disinteresse, con più determinazione ad andare fino in fondo, con meno nostalgica testardaggine, Covenant avrebbe potuto essere molto di più. Ma, lo ripeto, se il timone lo si mantiene saldo su David, se si interpreta tutto il film intorno a lui, Covenant è ben più della mera somma delle parti che lo compongono.
E L’entrata degli Dei nel Walhalla ci mostra davvero la nascita di una nuova divinità.

Se volete avere informazioni sulle mie recensioni, sulle mie uscite letterarie e sulle mie partecipazioni a Convention e /o fiere, compilate il form in alto, nella colonna alla vostra destra.

Scritto da: Maico Morellini

Autore de 'Il Re Nero', romanzo vincitore del Premio Urania 2010 e pubblicato nel novembre 2011 da Mondadori. Scrive su Nocturno e ha pubblicato in diverse antologie. Nel 2014 ha creato per Delos Digital la serie hard science fiction 'I Necronauti'.

Leave a Comment