Recensioni film – ‘Thor’ di Kenneth Branagh

Tempo di lettura: 2 minuti

Quando un film si presenta in un certo modo, non ha mai la pretesa di essere diverso da quello che è, e porta avanti in modo diligente la sua impronta iniziale, dal mio punto di vista è sempre un successo.
Ed è proprio il caso di questo ‘Thor’, targato Kenneth Branagh. Conoscendo (e adorando) Branagh, avevo qualche paura mai del tutto confessata. Il timore che una pellicola comunque con una forte impronta marveliana, incastrata nel grande e promettente progetto de ‘I Vendicatori‘, e rimaneggiata da un espertissimo shakespeariano teatrale e cinematografico come il nord irlandese alla regia, potesse scivolare in qualche zona d’ombra non definita c’era e non era immotivato.
E invece, persino un po’ a sorpresa, ‘Thor’ ha consapevolezza di sé, sa dove deve andare e come farlo. Buona parte del film gira intorno a una ricostruzione visivamente potente di Asgard, di Jǫtunheimr e del mondo delle divinità nordiche. Qui Odino, Thor, Loki e altri eroi mitologici sono affrescati in un quadro  con una leggera deriva shakesperiana (credo che Branagh qui abbia detto un po’ la sua) per trame, intrighi e anche qualità degli attori.

I personaggi sono subito definiti in modo chiaro. Con alcuni atteggiamenti, con alcune battute e con situazioni costruite in modo forse meccanico ma assolutamente funzionale. Intendiamoci, non è un film che sorprende (tranne, forse, in un paio di situazioni) ma la trama è al servizio dei personaggi, per l’appunto (anche la trattazione un po’ superficiale dei giganti dei ghiacci ha lo scopo di concentrare l’attenzioni sulle macchinazioni di Loki). D’altra parte, trattandosi di divinità, è evidente che queste incarnino azioni e sentimenti piuttosto lineari in quanto rappresentanti sotto forma di entità superiori le emozioni umane.

‘Thor’ è poi un film di raccordo. Il progetto ‘I Vendicatori’ qui si percepisce più che in altre pellicole. Se lo scopo era quello di raccontare la storia di ‘Thor’ incastrandola però in un universo già composto da alcune pellicole (i due Iron Man, il secondo Hulk, il prossimo Capitan America), io penso che l’obiettivo sia stato pienamente raggiunto. Non è all’altezza del primo ‘Iron Man‘ (la cui grandezza deriva in buona parte da un Robert Downey Jr. in stato di grazia) eppure, lo ripeto, ha una sua coerenza, è divertente, sa cosa si può permettere e cosa no, e la rappresentazione visiva della divinità di Thor, della sua forza, è molto potente. Il personaggio meglio riuscito credo sia, in assoluto, Loki anche arricchito dalla scelta più che azzeccata di Tom Hiddleston nei panni del Dio dell’Inganno.

E questa, sbirciando dopo i titoli di coda e soprattutto con un occhio di riguardo a ‘I Vendicatori’, credo non sia proprio una casualità. Unico neo, il doppiaggio di Natalie Portman che, seppur impegnata nell’interpretazione di un ruolo non di grandissimo spessore, stride un po’.

Per me, promosso a pieni voti. E adesso l’attesa per le prossime pellicole pre-Vendicatori non può che farsi più fremente.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments (1):

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[Racconto] – L’Adepto

Tempo di lettura: 3 minuti

L’Adepto è una brevissimo racconto inedito ispirato al mondo del mio romanzo La terza memoria ed è nato con un duplice scopo. Il primo è quello di divertirmi tornando nell’Italia post apocalittica che ho inventato come ambientazione del romanzo. Il secondo è (sarebbe) quello di stuzzicare chi ancora non ha letto La terza memoria e magari accompagnarlo verso il romanzo. Il primo scopo l’ho raggiunto. Vediamo se qualcuno mi aiuterà a raggiungere anche il secondo.
L’immagine qui sopra è la bellissima illustrazione che Franco Brambilla ha fatto per la copertina di Urania.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 66
  •  
  •  
  •  
  •  

La fantascienza a metà di Netflix

Tempo di lettura: 3 minuti

Ho aspettato di avere quattro casi di studio sul fantastico targato Netflix prima di provare a mettere nero su bianco le impressioni che già con un paio di titoli a disposizione avevano iniziato a vagare nella mia coscienza periferica. Quattro film (parlo solo di film, tengo le serie tv fuori da questo ragionamento) piuttosto diversi da loro ma sufficientemente simili da poter trovare un denominatore comunque, una sorta di marchio di fabbrica della N rossa.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 101
  •  
  •  
  •  
  •