The Circle – di James Ponsoldt

Tempo di lettura: 2 minuti

★★½☆☆

I segreti sono bugie

Mae – The Circle

Il tempismo nella fantascienza è fondamentale. Arrivare in ritardo rispetto a quanto sta accadendo nel mondo reale può trasformare un buon film in uno scadente documentario di repertorio.
The Circle, purtroppo, arriva un pelo in ritardo e la sensazione che si ha è proprio quella di aver assistito a qualcosa di vecchio.
Mae (una Emma Watson male assortita) è una giovane ambiziosa che vede la sua vita cambiare quando l’amica del cuore Glenne (Bonnie Holland) riesce a farla entrare al Circle, una grande azienda che deve i ricchi natali a un social network di diffusione mondiale. Il guru di Circle, Eamon Bailey (un Tom Hanks in versione Steve Jobs) ha le idee molto chiare sul futuro: connessione totale, condivisione totale, nessun segreto e l’ambigua gestione di una mole di dati a dir poco impressionante.
I riferimenti al nostro presente sono tanti, e nemmeno così intellegibili: Facebook, Google, i reality show, la mania di condividere qualunque cosa. L’azienda Circle è la versione inquietante delle moderne compagnie 3.0: una vera e propria città autosufficiente, capace di assimilare tutti i dipendenti in un ecosistema che si alimenta di sé stesso.
E Mae, paladina della connessione e della condivisione, scoprirà che le ombre sono tante, forse ben più delle zone di luce.
Il problema è, appunto, la tempestività. The Cirle si basa sull’omonimo romanzo di Dave Eggers pubblicato nel 2013. Quattro anni, per tematiche come queste, sono troppi e la pellicola si presenta in ritardo all’appuntamento con la storia. L’ingerenza della politica, il flirtare con l’illegalità di strutture che viaggiano più veloci delle normative che dovrebbero controllarle, il software SoulSearch che trasforma gli esseri umani in pokemon da filmare e catturare. Tutto già visto, tutto già elaborato, tutto già ieri.
Anche la presenza di Ty Lafitte (un John Boyega che forse passa di lì per caso), l’eminenza grigia dietro il social network TruYou alla base della ricchezza della Circle, risulta piuttosto posticcia. Un rigurgito di politically correct per non pestare troppo i piedi a Zuckerberg e soci, filantropi della libertà di informazione, o una debolezza narrativa?
Restano, sporadici ma intensi, alcuni guizzi interessanti. Il più insidioso di tutti è legato alla frase ‘i segreti sono bugie’, ma nel complesso ciò che dovrebbe inquietarci lo vediamo ogni giorno, sulle principali piattaforme social.
Se The Circle fosse uscito qualche anno fa, magari proprio nel 2013, avrebbe di certo vantato una capacità visionaria fuori dal comune. Ma oggi, a parte lo sbattere in faccia a chi non frequenta il web come stanno le cose, va di poco oltre il ‘te l’avevo detto’ del compagno di banco saputello. Peccato.

Se volete avere informazioni sulle mie recensioni, sulle mie uscite letterarie e sulle mie partecipazioni a Convention e /o fiere, iscrivetevi alla newsletter inserendo il vostro indirizzo email in fondo alla pagina.

Questo articolo è stato pubblicato su Nocturno Cinema

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 19
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[Racconto] – L’Adepto

Tempo di lettura: 3 minuti

L’Adepto è una brevissimo racconto inedito ispirato al mondo del mio romanzo La terza memoria ed è nato con un duplice scopo. Il primo è quello di divertirmi tornando nell’Italia post apocalittica che ho inventato come ambientazione del romanzo. Il secondo è (sarebbe) quello di stuzzicare chi ancora non ha letto La terza memoria e magari accompagnarlo verso il romanzo. Il primo scopo l’ho raggiunto. Vediamo se qualcuno mi aiuterà a raggiungere anche il secondo.
L’immagine qui sopra è la bellissima illustrazione che Franco Brambilla ha fatto per la copertina di Urania.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 68
  •  
  •  
  •  
  •  

Westworld 2 – la creazione di un nuovo Olimpo

Tempo di lettura: 2 minuti

Insomma, per concludere, il world-building narrativo di Westworld (così come quello di True Detective in parte come quello del Trono di Spade) è una sapientissima fusione di suggestioni iniettate a poco a poco nella coscienza dello spettatore. Un nobilissimo frankenstein meta-concettuale nel quale il tutto è ben superiore alla somma delle parti perché riesce a rivolgersi alla nostra parte filosofica senza però trascurare quella più moderna.

So che non è elegante, citarsi non lo è mai, ma riprendo la conclusione del mio pezzo su Westworld pubblicato qui a fine 2016 e rilancio: Nolan e la Joy hanno tenuto il timone ben saldo in quella direzione.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 15
  •  
  •  
  •  
  •