Recensioni film

Creep – di Patrick Brice

Tempo di lettura: 2 minuti

★★★★☆

Continua grazie a Netflix la mia paziente e inesorabile operazione di recupero horror e questa volta è il turno di una produzione indipendente prodotta poi dal mecenate Jason Blum e dalla sua Blumhouse. Creep mischia il found footage al mokumentary ma lo fa con una freschezza che solo certi registi indipendenti sembrano, almeno in questo momento storico, possedere.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 31
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Rituale – di David Bruckner

Tempo di lettura: 2 minuti

VOTO:★★★½☆
Continua il bel lavoro di recupero/distribuzione di Netflix verso un cinema horror di certo meno chiassoso dei grandi franchise ma assolutamente degno di attenzione. Dopo il bel (e italiano) Oltre il guado di Lorenzo Bianchini, è il turno de Il Rituale, produzione tutta inglese firmata da David Bruckner e ispirata all’omonimo romanzo di Adam Nevill.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 57
  •  
  •  
  •  
  •  

La forma dell’acqua – di Guillermo del Toro

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO:★★★★½

“A volte penso che sono nato troppo presto o troppo tardi per la mia vita.” – La forma dell’acqua – Giles

Chiunque viva questi tempi tribolati trovandosi suo malgrado attrezzato con un minimo di sensibilità avrà fatto la stessa considerazione di Giles (un Richard Jenkins in gran forma): viviamo troppo tardi o troppo presto per trovarci davvero a nostro agio qui e oggi.
La forma dell’acqua racconta (anche) questo: una squisita, delicata favola, uno specchio acquatico nel quale cercare il riflesso che più ci assomiglia senza dimenticare mai che tutti abbiamo, chi più chi meno, un carico di solitudine sulle spalle.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 23
  •  
  •  
  •  
  •  

Oltre il guado – di Lorenzo Bianchini

Tempo di lettura: 2 minuti

VOTO:★★★★☆

Nonostante ne avessi sentito parlare in termini molto positivi già un paio di anni fa dai miei infiltrati al TO Horror Film Fest, recupero con colpevole ritardo questa pellicola di Lorenzo Bianchini e confermo che si tratta di un film davvero interessante. Porta una bella ventata di originalità nell’altrimenti asfittico panorama horror italiano.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 54
  •  
  •  
  •  
  •  

Star Wars: Gli Ultimi Jedi – di Rian Johnson

Tempo di lettura: 5 minuti

“Provare no! Fare, o non fare! Non c’è provare!” – Maestro Yoda, Guerre Stellari: L’Impero Colpisce Ancora, 1980

Mi è molto difficile scrivere queste considerazioni, e lo è per due motivi: il primo è l’amore viscerale che nutro da trentaquattro anni per Guerre Stellari, il secondo è che comunque si tratta del capitolo di mezzo di una trilogia che si concluderà tra due anni. Perciò non scriverò una recensione, ma proverò a mettere nero su bianco i motivi che mi hanno portato per la prima volta a emergere dalla visione di un film di Star Wars confuso, disorientato e di certo non entusiasta.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 141
  •  
  •  
  •  
  •  
I supereroi della Justice League

Justice League – di Zack Snyder

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO★★★½☆
Primo progetto corale in casa DC dove il neo-sestetto di supereroi rappresentato da Wonder Woman (Gal Gadot), Aquaman (Jason Momoa), Flash (Ezra Miller), Cyborg (Ray Fisher), Superman (Henry Cavill) e Batman (Ben Affleck) si trova ad affrontare la prima vera minaccia mondiale incarnata da Steppenwolf, dai suoi demoni e dall’eminenza grigia Darkseid. Dopo l’iniziale riluttanza i sei si uniranno contro il nemico comune consegnando ai terrestri la Justice League.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 15
  •  
  •  
  •  
  •  

Thor: Ragnarok – di Taika Waititi

Tempo di lettura: 2 minuti

VOTO★★☆☆☆

Con questo terzo film il Dio del Tuono raggiunge Iron-Man come numero di pellicole in solitaria (Captain America: Civil War era un mini-Avengers mascherato, perciò Cap resta al palo con ‘solo’ due titoli). Ma soprattutto continua (e forse si conclude?) il percorso isolazionista di Asgard: dopo un primo film molto terrestre, dopo un secondo film che esplorava la mitologia asgardiana e coinvolgeva la Terra in misura minore, arriviamo a Thor: Ragnarok nel quale il nostro pianeta è del tutto assente.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 52
  •  
  •  
  •  
  •  

IT – di Andy Muschietti

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO:★★★★☆
Lo dico senza se e senza ma: trasporre IT sul grande (o piccolo) schermo è assolutamente impossibile. E’ impossibile perché la storia è così complessa e completa, così totalizzante, che anche piccole omissioni finiscono con lo snaturare l’armonia complessiva del capolavoro originale di King. Ed è impossibile anche perché IT è un romanzo senza filtro, morboso, violento, coraggioso e che non si ferma davanti a nulla. Parla una lingua dimenticata, di certo una lingua che l’ecosistema cinematografico (o televisivo) non può e non vuole imparare.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 51
  •  
  •  
  •  
  •  

Blade Runner 2049 – di Denis Villeneuve

Tempo di lettura: 4 minuti

Premessa: questa non è una recensione del film, o almeno non una recensione del film in senso stretto. Ho difeso e apprezzato pellicole come Star Wars: Il Risveglio della Forza o Alien: Covenant, sopportando e digerendo un fuoco di fila impietoso, una scomposizione della trama mirata a evidenziare ogni piccola incongruenza. Non ho la minima intenzione di fare la stessa cosa con Blade Runner 2049. Anche perché la gioia è nell’orecchio di chi ascolta e nell’occhio di chi guarda e la gioia non è mai una colpa o qualcosa da dover distruggere. Diciamo che questo è più un grido di dolore.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 70
  •  
  •  
  •  
  •  

Sul Globo d’Argento – di Andrzej Żuławski

Tempo di lettura: 4 minuti

VOTO:★★★★½

La fantascienza è una delle narrazioni di genere più versatili a disposizione di autori e cineasti: può essere intrattenimento, può essere finzione, può spingere l’acceleratore sugli aspetti più scientifici o può proiettare lo spettatore qualche decennio nel futuro, indirizzando il suo potente obiettivo in direzioni meno tecnologiche. E può, in alcuni casi, diventare un affilato strumento di critica sociale.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 17
  •  
  •  
  •  
  •