Tempo di lettura: 3 minuti

“Il mio nome è Ozymandias, re di tutti i re,
Ammirate, Voi Potenti, la mia opera e disperate!”

Il giudizio su Alien: Covenant orbita per buona parte intorno alla frase tratta da ‘Ozymandias‘, sonetto scritto da Percy Bysshe Shelley nel 1818. E, rilancio, l’apprezzamento per Covenant è ancora di più legato alla voglia di gettare il cuore oltre l’ostacolo in cerca di connessioni, riferimenti e suggestioni che giocoforza esulano dalla mera somma cinematografica delle parti. D’altra parte, non era così anche per Prometheus? Continue reading →

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO:★★★★½

Premetto che, al netto della sua discontinuità, a me Shyamalan piace molto. Ho molto apprezzato Il Sesto Senso (1999), ho letteralmente adorato Unbreakable (2000) e mi sono scoperto anche piuttosto tenero verso alcune pellicole generalmente considerate traballanti come Signs (2002), The Visit (2015) e Lady in the Water (2006). Si è anche meritato un paio di condanne senza appello, L’Ultimo Dominatore dell’Aria (2010) e After Earth (2013), perciò aspettavo con molta ansia questo Split nel quale milita anche James McAvoy, uno dei miei attuali attori preferiti. Per quanto mi riguarda, Shyamalan questa volta fa un centro colossale. Continue reading →

Tempo di lettura: 3 minuti

Rare Exports Inc. – 2003 – voto: ★★★★½
Avere un’idea geniale non è facile. Avere un’idea geniale e riuscire a condensarla in sette minuti è ancora più difficile. Fare in modo che questi sette minuti siano ancora più brillanti dell’idea stessa ha quasi del miracoloso.
Eppure è quello che sono riusciti fare i fratelli finlandesi Jelmari e Juuso Helander con il corto Rare Exports Inc. Presentato in chiave documentaristica sugli impavidi e coraggiosi uomini della Lapponia, il corto ci racconta di come tre di loro vadano a caccia di Babbo Natale. Anzi, dei babbi natale, uomini allo stato primordiale, nudi, di pel canuto, che vagano selvaggi per le desolate steppe lapponi. La cattura a suon di proiettili narcotici è cruda come solo un vero e proprio safari sa essere e da lì in avanti entriamo nel puro genio. Continue reading →

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO:★★★☆☆

E alla fine anche l’Austria, che per ammissione degli stessi registi Fiala e Franz non ha una grande tradizione horror, riesce comunque a dire la sua su un genere che è molto attivo e capace di stupire. Non voglio fare nessuna polemica, mi limiterò soltanto a dire con grande tristezza che in Italia invece, dove la tradizione horror è stata capace di ispirare grandi registi internazionali, il genere sembra essere del tutto bandito. Ma tant’è. Continue reading →

Tempo di lettura: 1 minuti

Orbene il conto alla rovescia ha quasi raggiunto lo zero: sabato 15 e domenica 16 ottobre si svolgerà a Milano la seconda edizione della riuscitissima manifestazione Stranimondi.
Tante le novità, tanti gli editori e tanti gli autori. In più una differenza sostanziale rispetto all’anno scorso: ci sarò anche io!
Congiunzioni astrali sfavorevoli mi hanno impedito di partecipare al debutto di questa splendida iniziativa, nel 2015, ma cercherò di farmi perdonare quest’anno, presidiando la manifestazione per due interi giorni.
Sabato 15 e domenica 16, infatti, sarò a Stranimondi localizzato quasi in pianta stabile presso lo stand Vincent Books Editore dove saranno disponibili in iper-anteprima i miei due ultimi lavori: ‘Spettri di Ghiaccio‘, racconto inedito tra il weird e l’horror in uscita sulla Collana Miskatonic e la raccolta ‘Voci della Polis‘, un ritorno nella spietata Polis Aemilia de ‘Il Re Nero‘ anche se ambientato prima degli eventi narrati nel romanzo vincitore del Premio Urania 2010.

Spettri di Ghiaccio e Voci della Polis sono le nuove pubblicazioni Vincent Books

E insomma se qualcuno di voi volesse incrociare qualche minuto, qualche mezz’ora, qualche con me, questo week-end mi troverà a Stranimondi, allo stand Vincent Books o negli immediati dintorni (tra l’altro, in ottima, ottima, ottima compagnia).

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO:★★★★☆
Il 18 agosto 2016, seppure con qualche mese di ritardo rispetto al resto del mondo, ha debuttato nelle sale italiane l’interessante horror storico ‘The Witch’ diretto dall’esordiente Robert Eggers, classe 1982. Un altro ottimo film diretto da un regista americano, una pellicola che sembra voler confermare la tendenza positiva degli horror oltreoceano di questi ultimi mesi, tendenza confermata anche dal recente ‘IT Follows‘. Se vi aspettate uno slasher vecchio stile o un moderno mokumentary, questo film non fa per voi. Ma se vi interessa esplorare le potenzialità dell’horror, ‘The Witch’ è la pellicola giusta. Continue reading →

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO:★★★½☆

Il cinema ci ha abituati ad alcune pellicole che vengono cucite sulla pelle del protagonista a scapito di altri aspetti della produzione: ‘Oblivion‘ (2013), ‘Lucy‘ (2014) e in qualche misura seppure con risultati ben diversi dagli altri film anche ‘Django Unchained‘ (2012). Era destino che questo piccolo (o grande) peccato finisse con il sedurre anche uno dei brand televisivi più innovativi degli ultimi anni: American Horror Story. ‘Hotel’ infatti, è questo il nome della quinta stagione, è ritagliato, progettato, sviluppato e modellato tutto intorno alla protagonista indiscussa della serie: Lady Gaga. Continue reading →

Tempo di lettura: 3 minuti

‘Io vendicherò le mie offese; se non posso ispirare amore, io causerò paura, e soprattutto verso di te, il mio primo nemico, perché mio creatore, giuro un odio inestinguibile’
Frankenstein, di Mary Shelley

VOTO:★★★½☆

C’è un primo ostacolo, un peccato originale da affrontare prima di potersi dedicare al ‘Frankenstein’ di Bernard Rose. Un attrito concettuale che si riassume in una singola domanda: dopo James Whale, dopo Kenneth Branagh e dopo Stuart Beattie c’era davvero bisogno di un altro Frankestein? Se si approccia a questo dilemma con uno spirito privo di preconcetti, la risposta non può essere che nelle mani del regista.
E Rose dal canto suo, forte del Candyman che lo ha reso famoso, ci propone una rivisitazione in chiave moderna del romanzo gotico di Mary Shelley. Lo fa attingendo dalla sua esperienza di cineasta versatile che ha esplorato generi molto diversi tra loro. Continue reading →

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO:★★★★☆

Se non vi piace il cinema parlato, se avete fretta, se storcete il naso quando il regista si prende alcune licenze e contamina i generi, allora ‘The Hateful Eight’ non è il film che fa per voi. Ma se almeno due delle tre voci di cui sopra pizzicano le vostre corde cinematografiche, allora l’ottavo film di Quentin Tarantino è quello che fa al caso vostro. Continue reading →

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO:★★★½☆
Arrivo in leggero ritardo a parlare di ‘The Strain’, adattamento televisivo della trilogia letteraria firmata da Chuck Hogan e Guillermo Del Toro. Siamo alla seconda stagione, i protagonisti sono in campo, si aggiunge qualche comprimario e le cose iniziano a farsi più interessanti. Così come inizia il pesante scollamento dalla trama letteraria. Continue reading →