Io ci voglio credere

Tempo di lettura: 3 minuti

Attingo in modo improprio al manifesto culturale (e fisico) di Fox Mulder per lanciare un piccolo grido di allarme che scaturisce dal mio limitatissimo osservatorio privato. Si è letto molto in questi mese di fake news, di bufale e della diffusione virulenta di contenuti privi del più elementare controllo delle sorgenti. Spesso l’accusa viene mossa al mondo del web ma vi invito di leggere la storia di Alessandro Proto per rendervi conto che in realtà è l’intero sistema comunicativo ad avere grossi limiti strutturali.
Detto questo viene spesso associato al complesso ecosistema delle fake news e similari il termine analfabetismo funzionale. In soldoni e in iper-sintesi, l’analfabetismo funzionale è l’incapacità di utilizzare il proprio senso critico per attribuire un valore vero alle informazioni che si raccolgono dai più svariati media disponibili. In sostanza, prendo un’altra scorciatoia per semplificare un concetto che di certo meriterebbe più spazio, si legge qualcosa ma non si è in grado di capire se questa cosa ha o meno un fondamento, se è logica oppure no.
La mia personalissima impressione è che questa sia una semplificazione, una verità di comodo che ci aiuta ad accettare quello che sta succedendo con sempre più frequenza. Non dico che l’analfabetismo funzionale non sia una realtà, dico solo che il problema è decisamente più grave.
Faccio un passo di lato: l’uomo è un animale sociale che da sempre cerca di aggregarsi in quale maniera. L’esposizione a una platea più vasta offerta dai social ha accoppiato alla volontà di aggregazione il desiderio di apparire, di farsi notare, di raccogliere consensi. Il consenso poi crea dipendenza (ci sono studi che quantificano le endorfine rilasciate dal cervello quando riceviamo un like) e la ricerca di una conferma sociale diventa il fine ultimo, non uno strumento o un mezzo.
A questo aggiungiamo che ben pochi, per mille motivi, sono capaci di utilizzare con successo i social network. Perciò cosa succede? Da una parte c’è la volontà di appartenere a qualcosa, di essere riconosciuti e riconoscibili all’interno di una comunità possibilmente ristretta che gratifichi il nostro ego. Dall’altra c’è l’incapacità di farlo con le proprie forze.
Fake News
E qui entrano in scena le fake-news (uso il termine in modo improprio, le utilizzo come macro contenitore per semplificare). Una falsa notizia, un concetto privo di fondamenti, un’idea basata sul luogo comune più semplice. Leggere una di queste non-notizie, uno di questi non-concetti mette davanti a una scelta: derubricarla (ed è quello che fa ancora la maggioranza delle persone) o crederci.
Abbracciare i concetti espressi da una falsa-notizia mette in condizione di farsi portatori e promotori di una verità che è per i pochi. Vuol dire entrare in un gruppo ristretto nel quale c’è grande cameratismo perché ‘solo noi sappiamo la verità delle cose’. E qui l’equazione emotiva irrisolta di cui sopra trova un suo naturale svolgimento. Per questo dico che il vero problema non è l’incapacità di valutare in modo critico qualcosa, il vero problema è che una fetta sempre maggiore di utenti VUOLE disperatamente credere alle false notizie che inondano la rete.
Cosa c’è di più gratificante? Appartenere a un gruppo di persone illuminate che riescono a penetrare il velo di una realtà precostituita vedendo oltre. Una setta piccola ma non troppo composta da persone che si esaltano tra loro senza curarsi di nulla se non della loro certezza, della loro verità, di ciò in cui vogliono credere.
E reagire in modo violento a queste dimostrazioni di fanatismo proto-religioso (in sintesi, di questo si parla, di atti di fede ripetuti e continui) non serve a nulla. Il gruppetto di crociati, piccolo o grande che sia, trarrà ancora più forza dalla virulenza con la quale si cerca di smentire, dimostrare, argomentare.
Loro vogliono credere. E credono. Se Fox Mulder in X-Files utilizzava la sua fede per spiegare ciò che non poteva essere spiegato con la scienza, qui le cose sono invertite. E molto più gravi. La scienza (e in senso più generale il pensiero scientifico) diventa il nemico: tutto ciò che la scienza comprova è falso. La presunzione di innocenza contenutistica è ribaltata. Sostieni qualcosa comprovato da decenni di dati, statistiche, analisi? Dimostralo da capo in un altro modo. Dimostrami che sto sbagliando usando le mie regole, altrimenti chi sta sbagliando sei tu.

Tutto quello che NON vorreste sapere:
Una Legione senza futuro?
L’assenza del passato genera mostr
Percezione, realtà e inganno
Abbiamo ucciso la balena blu
La necessità degli assoluti
Filosofia, scienza, fantascienza e assoluzione
Intelligenze artificiali?

Se volete avere informazioni sulle mie recensioni, sulle mie uscite letterarie e sulle mie partecipazioni a Convention e /o fiere, iscrivetevi alla newsletter inserendo il vostro indirizzo email in fondo alla pagina.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments (1):

  1. Steffy

    6 dicembre 2017 at 20:10

    Oh si, siamo animali sociali, ma siamo passati da ‘un paese’ di contatti a ‘un mondo’ di contatti in un tempo zero in termini evolutivi. Evidentemente non eravamo e non siamo pronti all’impatto. Penso che la selezione naturale farà anche questa volta il suo lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Justice League – di Zack Snyder

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO★★★½☆
Primo progetto corale in casa DC dove il neo-sestetto di supereroi rappresentato da Wonder Woman (Gal Gadot), Aquaman (Jason Momoa), Flash (Ezra Miller), Cyborg (Ray Fisher), Superman (Henry Cavill) e Batman (Ben Affleck) si trova ad affrontare la prima vera minaccia mondiale incarnata da Steppenwolf, dai suoi demoni e dall’eminenza grigia Darkseid. Dopo l’iniziale riluttanza i sei si uniranno contro il nemico comune consegnando ai terrestri la Justice League.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Thor: Ragnarok – di Taika Waititi

Tempo di lettura: 2 minuti

VOTO★★☆☆☆

Con questo terzo film il Dio del Tuono raggiunge Iron-Man come numero di pellicole in solitaria (Captain America: Civil War era un mini-Avengers mascherato, perciò Cap resta al palo con ‘solo’ due titoli). Ma soprattutto continua (e forse si conclude?) il percorso isolazionista di Asgard: dopo un primo film molto terrestre, dopo un secondo film che esplorava la mitologia asgardiana e coinvolgeva la Terra in misura minore, arriviamo a Thor: Ragnarok nel quale il nostro pianeta è del tutto assente.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •