Esserci a qualunque costo

Tempo di lettura: 3 minuti

A una settimana e mezzo dal voto, quando stando alla durata media di una notizia il polverone post elettorale dovrebbe quasi del tutto essersi depositato, torno su un tema a me molto caro di cui ho già parlato su queste pagine (in coda a questo pezzo, troverete le mie altre considerazioni): come i social network stanno cambiando il mondo anche al di fuori del loro ristretto ambito di utilizzo.
E’ un tema che mi interessa molto soprattutto perché mi pare che il mainstream informativo tenda ormai a trattare i social come un dato di fatto, come qualcosa che ha le sue regole ma che ha raggiunto un punto di equilibrio stabile. Ma rivolgersi a un fantomatico ‘popolo dei social’ secondo me è una mistificazione di non poco conto: non esiste il popolo dei social. Esistono persone che frequentano i social E che vivono anche una vita al di fuori di essi (quanta e di che qualità, non può essere argomento di discussione).
Non ho dati alla mano ma non credo di sbagliare quando dico che un bella fetta delle informazioni che assimiliamo giornalmente ci arrivano dai social, soprattutto quelle che riguardano il mondo esterno. Arte, politica, recensioni, cronaca. Seguendo la tv generalista e frequentando Twitter, vi accorgerete che i trending topic sono tutti incentrati o sulle partite di calcio, o sulla trasmissione di punta della serata (politica, di cronaca o reality che sia).
Perciò ci si abitua a comunicare attraverso i social. Attraverso post di altri ai quali ci si accoda o attraverso i propri post. Quando scriviamo per primi qualcosa la dinamica è piuttosto semplice: noi esponiamo un nostro pensiero e gli altri interagiscono secondo i loro canoni. Ma l’interazione nasconde al suo interno la stessa ricerca di approvazione pubblica di chi ha scritto il post. Perciò o si entra nel merito, per esempio dando il proprio parere sull’argomento del post, oppure ci si trova davanti al fatidico dilemma: come faccio a raccogliere consensi se non ho visto il film, non ho letto il libro, non ho studiato la notizia?
Analfabetismo empatico di ritorno che si palesa già da subito con poche, semplici parole:”Non ho visto il film, però…” oppure “Non ho letto il libro, però …” o peggio, nel caso di parli di esperienze personali:”A me non è mai successo però in un altro caso…”.
La realtà? La smania di ricevere consensi ci spinge sempre più a non interessarci di ciò che hanno detto gli altri (non è che non lo capiamo, non ci interessa!) ma a voler dire qualcosa di nostro a tutti i costi. Per i motivi più svariati ma alla base c’è un dato incontrovertibile: il meccanismo di base dei social, per come è concepito e per come si è sviluppato, ha insito un egoismo di fondo molto marcato.
Non voglio nemmeno entrare nel merito delle fake news, ne ho già parlato e non è questo l’argomento di questa breve considerazione. Alla base c’è il dubbio che le tendenze autoreferenziali che ciascuno di noi ha in dosi differenti (chi non ascolta è sempre esistito, così come gli egocentrici) finiscano con l’essere esaltate e catalizzate dal meccanismo di non-comunicazione dei social.
Certo, ci sono argomenti e post nei quali si può trovare un confronto più vero. Ma di media, sempre di più, al silenzio si preferisce rispondere con un parere del tutto scentrato, con un’esperienza personale che nulla ha a che fare con il tema di fondo della discussione.
Per apparire. Per attirare l’attenzione al grido di:”Ehi, sono qui! Non ho idea di cosa stiate parlando ma una volta mi è capitato che …”. E questa tendenza si sta estendendo fuori dal mondo social, trova terreno fertile nelle piccole egomanie di ciascuno di noi.
Lo ripeto: l’analfabetismo funzionale e quello di ritorno non sono il problema. Non sono nemmeno l’effetto. Sono una scelta che, per quanto inconsapevole, si ancora al desiderio di esserci a qualunque costo.
Sempre più ci si scorda di quanto sia bello, ogni tanto, ascoltare e basta.

Tutto quello che NON vorreste sapere:
L’errore della semplificazione
Le serie TV sono il nuovo male?
Io ci voglio credere
Una Legione senza futuro?
L’assenza del passato genera mostr
Percezione, realtà e inganno
Abbiamo ucciso la balena blu
La necessità degli assoluti
Filosofia, scienza, fantascienza e assoluzione
Intelligenze artificiali?

Se volete avere informazioni sulle mie recensioni, sulle mie uscite letterarie e sulle mie partecipazioni a Convention e /o fiere, iscrivetevi alla newsletter inserendo il vostro indirizzo email in fondo alla pagina.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I figli del male – di Antonio Lanzetta

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO:★★★★★
Nel 2016 mi aveva folgorato l’esordio thriller di Antonio Lanzetta, Il buio dentro, e ve ne avevo parlato qui. Meno di due anni dopo Lanzetta ci riporta tra le ferite antiche di una terra tanto stupenda quando maledetta, di luoghi capaci di meraviglie e orrori. Ci riporta a Castellaccio.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 51
  •  
  •  
  •  
  •  

A Quiet Place – di John Krasinski

Tempo di lettura: 3 minuti

VOTO:★★★★☆
Finalmente. E’ la prima parola che mi è uscita dalla testa durante e dopo la visione di A Quiet Place, esordio fanta-horror del poliedrico John Krasinksi che qui è sceneggiatore, regista, interprete e marito (dentro e fuori dal set) della bella e brava Emily Blunt. Perché ‘finalmente’? Perché A Quiet Place riesce a ibridare in modo molto equilibrato tutti mattoncini costituenti il DNA del nobile genere horror.

Ti è piaciuto? Metti like o condividi!
  •   
  • 11
  •  
  •  
  •  
  •